STORIA MONUMENTI CURIOSITÀ VIDEO GALLERY
storia
Bosco Mancinforte
Chiesa della Madonna della Speranza
Chiesa di San Apollinare
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Germano
Chiesa Santa Faustina
Fontanina
Giardino Mancinforte
Monumento Carlo Maratti
Palazzo Comunale
Parrocchiale Immacolata Concezione
Teatro Maratti
curiosità videogallery
LE GROTTE LA STORIA PERCORSI INFO E
PRENOTAZIONI
mancinforte
MANCINFORTE
ricotti
RICOTTI
corraducci
CORRADUCCI
trionfi
TRIONFI
storia percorsi info
PROPOSTE
TURISTICHE
come
ARRIVARE
dove
DORMIRE
dove
MANGIARE
ESCURSIONI a
CAMERANO
pacchetti arrivare dormire mangiare escursioni
IL CONERO LE CITTÀ ITINERARI
conero citta itinerari

Comune di Camerano
Ufficio Turismo
Via San Francesco 24
60021 Camerano
tel +39 071 730301
tel +39 071 7303058

Pro Loco Carlo Maratti

Via San Francesco 28
60021 Camerano
tel/fax +39 071 731460
prolococamerano@libero.it

Ufficio IAT
Informazioni e Accoglieza Turistica
Piazza Roma 26
60021 Camerano
tel/fax +39 071 7304018
info@turismocamerano.it
CAMERANO
CITTÀ SOTTERRANEA
ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO
RIVIERA DEL CONERO
CONTATTI
AGUGLIANO
ANCONA
CAMERANO
CAMERATA PICENA
CASTELFIDARDO
LORETO
NUMANA
OFFAGNA
OSIMO
OSTRA VETERE
POLVERIGI
PORTO RECANATI
SIROLO
Offagna
Come in un antico castello medievale il cuore di Offagna è avvolto attorno ad una cinta muraria che si inerpica per erte salite, fino al suo cuore: la Rocca.
Costruita dagli anconetani nel 1454-55 per difendere la loro posizione di dominio sui territori circostanti, la Rocca di Offagna rappresenta un notevole esempio di architettura militare. Oggi al suo interno è ospitata una mostra di armi antiche.
Da non perdere il Museo della Liberazione e il Museo di Scienze Naturali Luigi Paolucci con le sue numerose collezioni.
Camminando per Offagna si compie un vero e proprio viaggio nel tempo: le strette viuzze, le case del centro e le torri merlate conservano ancora intatta quell´atmosfera incantata e quasi fiabesca di un´epoca lontana.
Suggestioni che rivivono durante i festeggiamenti nel periodo estivo, quando l´intero paese interpreta le antiche abitudini medievali con la ormai celebre rievocazione storica durante le Feste medievali.
Le sale del Museo Paolucci ospitano una parte dei reperti tratti dalle collezioni dell´insigne studioso naturalista anconetano (1849-1935) .
l Paolucci ci ha lasciato numerose ed importanti collezioni (paleontologiche, mineralogiche, zoologiche e botaniche) frutto di una intera vita di ricerche e di studio.
Attraverso la ricollocazione dei reperti, si prende contatto e visione delle diversità e specificità degli ambienti naturali marchigiani, in un mosaico ricco di elementi visuali, didattici e scientifici.
Reperti unici di specie ormai scomparse costituiscono testimonianze preziose che ci aiutano a ricostruire e capire l´evoluzione e le modificazioni del territorio.