STORIA MONUMENTI CURIOSITÀ VIDEO GALLERY
storia
Bosco Mancinforte
Chiesa della Madonna della Speranza
Chiesa di San Apollinare
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Germano
Chiesa Santa Faustina
Fontanina
Giardino Mancinforte
Monumento Carlo Maratti
Palazzo Comunale
Parrocchiale Immacolata Concezione
Teatro Maratti
curiosità videogallery
LE GROTTE LA STORIA PERCORSI INFO E
PRENOTAZIONI
mancinforte
MANCINFORTE
ricotti
RICOTTI
corraducci
CORRADUCCI
trionfi
TRIONFI
storia percorsi info
PROPOSTE
TURISTICHE
come
ARRIVARE
dove
DORMIRE
dove
MANGIARE
ESCURSIONI a
CAMERANO
pacchetti arrivare dormire mangiare escursioni
IL CONERO LE CITTÀ ITINERARI
conero citta itinerari

Comune di Camerano
Ufficio Turismo
Via San Francesco 24
60021 Camerano
tel +39 071 730301
tel +39 071 7303058

Pro Loco Carlo Maratti

Via San Francesco 28
60021 Camerano
tel/fax +39 071 731460
prolococamerano@libero.it

Ufficio IAT
Informazioni e Accoglieza Turistica
Via Maratti 37
60021 Camerano
tel/fax +39 071 7304018
info@turismocamerano.it
CAMERANO
CITTÀ SOTTERRANEA
ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO
RIVIERA DEL CONERO
CONTATTI
BOSCO MANCINFORTE
CHIESA DELLA MADONNA DELLA SPERANZA
CHIESA DI SAN APOLLINARE
CHIESA DI SAN FRANCESCO
CHIESA DI SAN GERMANO
CHIESA SANTA FAUSTINA
FONTANINA
GIARDINO MANCINFORTE
MONUMENTO CARLO MARATTI
PALAZZO COMUNALE
PARROCCHIALE IMMACOLATA CONCEZIONE
TEATRO MARATTI
Bosco
MANCINFORTE
Il Parco Comunale, originariamente appartenuto alla Famiglia Mancinforte e annesso al palazzo omonimo attraverso una galleria che lo collegava ai giardini, fu acquistato dall´Ente di Diritto Pubblico "Riviera del Conero" nel 1976 e destinato a parco pubblico. Il bosco si estende per oltre un ettaro e, passeggiando lungo il sentiero, si possono ammirare più di 150 piante ornamentali e di alto fusto: molte sono centenarie ed alcune addirittura ultracentenarie.
Vi si trovano una notevole varietà di piante e arbusti, tra i quali la quercia, il leccio, l´acero, il biancospino, l´edera, il rovo, il caprifoglio, il pungitopo, la primula, la violetta e il ciclamino. Il viale principale, inoltre, conduce ad un belvedere con un suggestivo panorama sulla vallata del Boranico e verso Ancona.
In primavera, il tappeto di colori creato dalla fioritura del sotto bosco dona all´ambiente un´esplosione cromatica di forte intensità e contribuisce a creare quel clima di pace e serenità che si respira camminando fra quei sentieri silenziosi.