STORIA MONUMENTI CURIOSITÀ VIDEO GALLERY
storia
Bosco Mancinforte
Chiesa della Madonna della Speranza
Chiesa di San Apollinare
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Germano
Chiesa Santa Faustina
Fontanina
Giardino Mancinforte
Monumento Carlo Maratti
Palazzo Comunale
Parrocchiale Immacolata Concezione
Teatro Maratti
curiosità videogallery
LE GROTTE LA STORIA PERCORSI INFO E
PRENOTAZIONI
mancinforte
MANCINFORTE
ricotti
RICOTTI
corraducci
CORRADUCCI
trionfi
TRIONFI
storia percorsi info
PROPOSTE
TURISTICHE
come
ARRIVARE
dove
DORMIRE
dove
MANGIARE
ESCURSIONI a
CAMERANO
pacchetti arrivare dormire mangiare escursioni
IL CONERO LE CITTÀ ITINERARI
conero citta itinerari

Comune di Camerano
Ufficio Turismo
Via San Francesco 24
60021 Camerano
tel +39 071 730301
tel +39 071 7303058

Pro Loco Carlo Maratti

Via San Francesco 28
60021 Camerano
tel/fax +39 071 731460
prolococamerano@libero.it

Ufficio IAT
Informazioni e Accoglieza Turistica
Via Maratti 37
60021 Camerano
tel/fax +39 071 7304018
info@turismocamerano.it
CAMERANO
CITTÀ SOTTERRANEA
ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO
RIVIERA DEL CONERO
CONTATTI
BOSCO MANCINFORTE
CHIESA DELLA MADONNA DELLA SPERANZA
CHIESA DI SAN APOLLINARE
CHIESA DI SAN FRANCESCO
CHIESA DI SAN GERMANO
CHIESA SANTA FAUSTINA
FONTANINA
GIARDINO MANCINFORTE
MONUMENTO CARLO MARATTI
PALAZZO COMUNALE
PARROCCHIALE IMMACOLATA CONCEZIONE
TEATRO MARATTI
Chiesa
DI SAN FRANCESCO
Una antica tradizione vuole che sia stata fondata con l´attiguo convento dei Minori dallo stesso San Francesco presente nel 1215 ad Ancona e Sirolo in occasione del suo viaggio in Oriente. Il Bollario Francescano ed altre fonti storiche indicano esistente questa chiesa nel 1292 e menzionano una lapide, ora irreperibile, un tempo visibile sul muro interno dell´edificio «a cornu epistolae» (cioè a destra) con questa epigrafe: + MCCXXX IIII ID VIII. Probabilmente la data del 1230 si riferisce all´anno in cui furono completati i lavori della chiesa originaria. le fonti storiche affermano che la chiesa ed il convento di San Francesco di Camerano sono sorti sull´area già occupata da un più antico monastero di monache presumibilmente lo stesso che, sotto il titolo di Santa Maria e Sant´Agata Martire, è menzionato dal Codice Bavaro relativo alle concessioni enfiteutiche nella zona tra i secoli VII e X. Attualmente all´interno della chiesa è conservata una lapide gotica con la seguente epigrafe: «In nomine domini amen anno domini MCCCXXXI tempore domini Ioannis Papae XXII» . Originariamente collocata sopra la porta dell´ex convento, questa iscrizione si riferisce molto probabilmente alla riedificazione del convento stesso sui resti del precedente monastero di Santa Agata. Da un’antica pergamena rinvenuta sotto l´altare maggiore si conosce che il 14 luglio 1437 la chiesa fu consacrata dal Vescovo Pietro Giustiniani dell´Ordine dei Predicatori con il premesso di mons. Giovanni Caffarelli Vescovo di Ancona.
Nel 1759 la chiesa fu completamente ristrutturata su disegno dell´architetto Francesco Ciaraffoni e dell´edificio originario non rimase che il portale in pietra. Tra il 1763 ed il 1769 fu ampliato il convento su disegno di fra Domenico Frezzini dei Minori di Ancona, assistito dai padri Francesco Marchetti e Andrea Ottaviani. Il nuovo convento ebbe breve vita: chiuso durante l´occupazione francese, i suoi beni passarono al cosiddetto Appannaggio del Vicerè d´Italia Eugenio di Beauharnais e poi al Comune che utilizzò l´edificio come sua sede a partire dalla metà del XIX secolo. Dopo la partenza dei frati Minori da Camerano, la chiesa di San Francesco continuò ad essere officiata, prima da due frati detti "Minimi" rimasti nel paese presso abitazioni private (padre Lucesole e padre Anzelotti) e poi dai sacerdoti della chiesa parrocchiale. Danneggiata dagli eventi bellici del 1944, la chiesa fu riaperta al culto, per interessamento dell´allora parroco Don Giulio Giacconi, il 29 agosto 1959. La cuspide che sovrasta il campanile fu aggiunta nel 1957 a cura del comm. Silvio Scandalli. Attualmente l´edificio, di proprietà del Comune, pur essendo saltuariamente officiato, è sede di periodiche manifestazioni culturali quali mostre e concerti.
La chiesa è a pianta rettangolare con abside ellittica dietro l´altare maggiore, presenta quattro altari laterali, due su ciascuna navata. La volta è a botte e l´interno decorato con stucchi a scagliola, colonne sormontate da capitelli corinzi e motivi ornamentali tipici dello stile settecentesco.

Quadri contenuti all´interno della Chiesa:
Adorazione dei Pastori - E. Van Schayck, 1600.
Sant´Antonio - della scuola del Pomarancio, 1628.
San Francesco - Marco Vannetti, XVIII sec.
Traslazione della S. Casa – Francesco Fasolilli, XVIII sec.
Crocifissione – anonimo, scuola romana del XVIII sec.