STORIA MONUMENTI CURIOSITÀ VIDEO GALLERY
storia
Bosco Mancinforte
Chiesa della Madonna della Speranza
Chiesa di San Apollinare
Chiesa di San Francesco
Chiesa di San Germano
Chiesa Santa Faustina
Fontanina
Giardino Mancinforte
Monumento Carlo Maratti
Palazzo Comunale
Parrocchiale Immacolata Concezione
Teatro Maratti
curiosità videogallery
LE GROTTE LA STORIA PERCORSI INFO E
PRENOTAZIONI
mancinforte
MANCINFORTE
ricotti
RICOTTI
corraducci
CORRADUCCI
trionfi
TRIONFI
storia percorsi info
PROPOSTE
TURISTICHE
come
ARRIVARE
dove
DORMIRE
dove
MANGIARE
ESCURSIONI a
CAMERANO
pacchetti arrivare dormire mangiare escursioni
IL CONERO LE CITTÀ ITINERARI
conero citta itinerari

Comune di Camerano
Ufficio Turismo
Via San Francesco 24
60021 Camerano
tel +39 071 730301
tel +39 071 7303058

Pro Loco Carlo Maratti

Via San Francesco 28
60021 Camerano
tel/fax +39 071 731460
prolococamerano@libero.it

Ufficio IAT
Informazioni e Accoglieza Turistica
Via Maratti 37
60021 Camerano
tel/fax +39 071 7304018
info@turismocamerano.it
CAMERANO
CITTÀ SOTTERRANEA
ORGANIZZA IL TUO VIAGGIO
RIVIERA DEL CONERO
CONTATTI
BOSCO MANCINFORTE
CHIESA DELLA MADONNA DELLA SPERANZA
CHIESA DI SAN APOLLINARE
CHIESA DI SAN FRANCESCO
CHIESA DI SAN GERMANO
CHIESA SANTA FAUSTINA
FONTANINA
GIARDINO MANCINFORTE
MONUMENTO CARLO MARATTI
PALAZZO COMUNALE
PARROCCHIALE IMMACOLATA CONCEZIONE
TEATRO MARATTI
Chiesa
DI SAN APOLLINARE
Quest’antichissima chiesa, sorta entro il perimetro del castello originario, esistette intorno al Mille tra i beni della Chiesa ravennate del cosiddetto «fundo Larciniano» , come si evince dai contratti enfiteutici riportati nel Codice Bavaro. Eretta da paolo V ad abbazia laicale agli inizi del XVII secolo, la chiesa, pur rimanendo sotto la giurisdizione del vescovo di Ravenna, fu concessa alla nobile famiglia romana dei principi Borghesi, dai quali passò poi in proprietà dei Marchesi Bruti di Ripatransone. Questi vi tennero per un certo tempo un cappellano di loro nomina e vi fecero celebrare periodicamente delle messe, ma poi l’edificio cominciò a cadere in abbandono.
Divenuta col tempo cadente e minacciando rovina furono, a cura dell’Arciprete Donzelli, ritirati gli oggetti sacri: pietra sacra, alcuni vecchi reliquari, arredi sacri e campana. Di quest’ultima si sa che è finita a varano mentre degli altri arredi, compresa una lapide, non si è trovata più traccia.
Passato in proprietà al Comune e divenuto pericolante, l’edificio fu abbattuto e inopportunamente trasformato in mercato pubblico a metà degli anni ’50 del secolo XX. Dell’antica chiesa oggi non restano visibili che alcune tracce del campanile sulla fiancata dell’attuale sede del mercato comunale.
Secondo una diffusa tradizione orale, S. Apollinare è considerata la chiesa più antica di Camerano. Testimonianze verbali, risalenti all’inizio del secolo scorso, descrivono l’interno di essa decorato da affreschi e con il residuo di antichi abbellimenti di tipo barocco. Molte persone ricordano l’esistenza di una lapide contenente un’epigrafe»